riflessologia plantare

RIFLESSOLOGIA PLANTARE

Aiutaci a diffondere la cultura del benessere, condividi questo articolo:

Il massaggio al piede è uno dei trattamenti più antichi nella vita dell’uomo.

Infatti questa tecnica di manipolazione la ritroviamo in iscrizioni e documenti di varie culture, tra cui quelle egizia, maya, ebraica, indiana e cinese, risalenti a millenni fa.

In occidente fu un dottore americano, William H.Fitzgerald, a riscoprirla all’inizio del secolo scorso, e a svilupparla secondo un vero e proprio sistema che chiamò “massaggio zonale”, tracciando mappe sistemiche delle zone riflesse.

Fu poi E. Ingham, infermiera e massaggiatrice, che in anni di studio e specializzazione sull’opera di Fitzgerald e altri, confermò la connessione profonda tra le diverse zone del corpo e tra la periferia e il centro, ed elaborò un sistema di influenza sull’intero corpo agendo sui piedi. Nei suoi libri sono descritte quelle tecniche di massaggio e pressione dei piedi che sono alla base dell’odierna riflessologia e che dagli Stati Uniti si sono diffuse ovunque nel mondo. Negli anni successivi nacquero scuole di matrice diversa anche in Europa.

 

Il piede riproduce perfettamente tutta la persona, su tutti i suoi piani: fisico, emozionale, comportamentale, psichico, mentale.

Esso rappresenta il contatto con la terra, con le nostre radici, il ritorno alle nostre origini più profonde.

Agendo su determinati punti corrispondenti a organi, muscoli e visceri, in cui ritroviamo terminazioni nervose, il massaggio al piede stimola l’intero organismo:

  • migliora la circolazione sanguigna e linfatica
  • riporta in equilibrio i sistemi nervoso ed endocrino
  • migliora il funzionamento generale e specifico di organi e tessuti
  • ha un effetto locale di rilassamento delle strutture del piede
  • ha un effetto globale di rilassamento sul piano psico-emotivo del ricevente
  • agisce sulle forze di autoguarigione sempre presenti nell’individuo

 

Vuoi imparare la riflessologia plantare? Clicca qua per vedere tutti i corsi in partenza!

Aiutaci a diffondere la cultura del benessere, condividi questo articolo: