18 giugno 2013

CORSI DI MASSAGGIO A LUGLIO

Centro Studi Benessere ti invita ai prossimi corsi di massaggio in programma a luglio 2013

  CORSO  DI MASSAGGIO THAILANDESE 

Sabato 6 e domenica 7 luglio

Orario: 09:00 – 18:00

con dispensa ed attestato

 320 €

 CORSO DI RIFLESSOLOGIA PLANTARE 

Sabato 13 luglio

 

Orario: 9:00 – 18:00

  corso base con dispensa fotografica a colori

 190 €

CORSO DI MASSAGGIO RIEQUILIBRANTE FLOWER 

Domenica 14 luglio


Orario: 9:00 – 18:00

 con dispensa ed   d’attestato
190 €

10 giugno 2013

RIFLESSOLOGIA PLANTARE

RIFLESSOLOGIA PLANTARE

 NUOVO CORSO

SABATO 13 LUGLIO 

( ORE 9- 18 )

 

 

Il piede, attraverso i secoli e le varie culture, è stato oggetto di attenzione, talora di rispetto e venerazione.

Si pensi, ad esempio, al rituale della lavanda dei piedi in tutto il Vicino Oriente antico e più in generale in tutte le culture afferenti alla zona del Mediterraneo, come segno di rispetto e di omaggio nei confronti dell’ospite,o in Estremo oriente -  con eccezioni come l’Indonesia dove i piedi  a motivo del contatto con il suolo venivano considerati impuri – in  particolare in Cina ma anche in Thailandia ( la cui tradizione in questo ambito si riallaccia ai principi della Medicina Tradizionale Cinese)   dove il trattamento di patologie attraverso la pratica massoterapica è molto antica; basti pensare alla riflessologia plantare cinese, metodo On Zon Su, in cui si ritrovano i principi dei 5 elementi o miflessologia ovimenti e dello Yin-Yang della filosofia taoista.

Ma ancora, rimanendo in Cina, dalla terribile pratica della fasciatura dei piedi delle bambine, fin dalla tenera età, a partire dalla dinastia Song (960-1127 d.C.) apprendiamo quanto i piedi di piccole dimensioni potessero diventare vero e proprio strumento di seduzione ed eccitazione sessuale

. La pratica del massaggio ai piedi, come si è detto, risulta essere dunque molto antica ma lo studio sistematico della tecnica riflessogena si ebbe solo al principio del Novecento, per merito del medico americano Fitzgerald.

Egli osservò come effettivamente sulla pianta dei piedi (e delle mani) si trovi una vera e propria mappa di tutti gli apparati, quindi visceri ed organi, che – una volta individuati e opportunamente stimolati con il massaggio – possono beneficiare delle nostre cure nel caso in cui si trovino in squilibrio energetico o siano affetti da una specifica patologia.

Il massaggio riflessogeno basa la sua efficacia sul fatto che le terminazioni nervose facciano da collegamento per ogni punto del piede con un determinato ganglio sulla spina dorsale e questo, a sua volta,  sia unito ad un dato organo. Con l’impiego della riflessologia plantare siamo in grado di riportare in equilibrio psico-fisico la persona,  grazie anche al suo indiscusso effetto rilassante.

Anche la circolazione sia sanguigna che linfatica se ne avvantaggiano migliorando sensibilmente, insieme a tutti gli apparati (gastrointestinale, cardiovascolare, scheletrico-muscolare e  l’importantissimo endocrino).

E’ inoltre un metodo che, coniugando semplicità ed efficacia, permette a tutti di migliorare  il proprio stato di salute

3 giugno 2013

MASSAGGIO SONORO CON CAMPANE TIBETANE

 

   CORSO  DI MASSAGGIO SONORO CON CAMPANE TIBETANE

DOMENICA 9 GIUGNO

ORE 10- 18

Che suono ha un pianeta? O meglio, a quale frequenza vibra?

Queste sono domande alle quali riuscì a rispondere il musicologo e matematico svizzero Hans Cousto nel 1979 quando, formulando la “legge dell’ottava cosmica”, scoprì che le vibrazioni sonore emesse dalle campane tibetane potevano essere messe in relazione con la durata della rivoluzione di un pianeta o con altri cicli astronomici.

Le Campane Tibetane, o Singing Bowls, si presentano come ciotole rotonde di diverse dimensioni.

Ciò che le rende speciali è la particolare lega metallica dalla cui fusione prendono vita; in essa, infatti, ritroviamo in differenti quantità per ciascuna campana quei sette elementi simbolo di ognuno dei sette pianeti: Oro per il Sole, Ferro per Marte, Mercurio per Mercurio, Rame per Venere, Stagno per Giove, Piombo per Saturno e Argento per la Luna.

Una volta distesosi, chi riceverà il massaggio esercitato dal suono di questi sensibilissimi strumenti, sperimenterà una profondissima sensazione di rilassamento, sia fisico che spirituale.

Ciascuna delle 7 campane, infatti, venendo posizionate in corrispondenza di ognuno dei 7 chakra – vere e proprie finestre energetiche che si aprono sul corpo sottile e che corrispondono a punti precisi del corpo fisico, distribuiti lungo il tronco, dalla base inferiore del coccige alla sommità del capo – con il loro suono permettono il riallineamento di tutti i centri energetici, la loro ricarica, e un più generale benessere spirituale e fisico della persona.

Le vibrazioni emesse dalla percussione delle campane vengono percepite in tutto il corpo, propagandosi come onde attraverso i corpi sottili e fino agli strati corporei più profondi e agli organi, esplicando in  questo modo anche una vera e propria azione terapeutica che mira a calmare il sistema nervoso, l’ansia, il senso di angoscia, l’insonnia.

Tutto ciò è definito “concordanza di fase”: il fenomeno per il quale due onde tendono ad unirsi e a vibrare all’unisono.

Ed è proprio ciò che avviene nel momento in cui le vibrazioni del corpo umano e quelle delle campane tibetane si incontrano sui chakra stimolati; se un organo o una qualsiasi altra parte del corpo non si trova in salute, stato di frequenza disturbata, può essere “riaccordato” tramite la correzione imposta dal suono delle campane che, invece, vibrano alla giusta frequenza.

Quella che viene così a crearsi nella persona ad opera dello strumento suonato dal terapeuta, è un profondo stato di quiete interiore ed esteriore che può andare ben al di là del semplice rilassamento, fino a raggiungere le onde teta e delta degli stati meditativi più profondi.